“Meledetta Linea”, prosegue a Cassino il progetto Memotech

Il 28 novembre presso L’Aula Pacis di Cassino alle ore 21 sempre nell’ambito del Progetto Memotech si è tenuta la “prima” della rappresentazione teatrale a cura di Artenova da un testo di Ivano Falco, Maledetta Linea : Una storia che racconta altre storie ragazzi, uomini, donne che si sono sacrificati per il nostro presente; per la regia di Gino Auriuso con Gerardo Fiorenzano Ivano Falco e la partecipazione di Irma Ciaramella.

 

Una vecchia cascina da abbattere, l’ultimo “simbolo”, l’ultimo residuo dei bombardamenti che avvennero su Cassino da gennaio a maggio 1944; un intraprendente e giovane giornalista, inviato sul luogo per realizzare il quotidiano scoop; una linea immaginaria che sembra rappresentare la famosa e maledetta LINEA GUSTAV che viene innalzata all’interno della cascina dal vecchio Vitale, residuo umano di quel terribile conflitto che fu la seconda guerra mondiale.  Questi gli elementi, il perno intorno al quale si sviluppa la storia.

Il protagonista non riesce a rimuovere dalla sua mente, dalla sua memoria le grida di tante donne, bambini e uomini.  Vitale, oggi vecchio e stanco, è solo un uomo che ha attraversato la seconda guerra mondiale e ne è rimasto “macchiato”.

Il giovane giornalista, assetato di notizie e incuriosito dal vecchio che non vuole abbandonare la cascina di famiglia, si trova suo malgrado costretto ad introdursi all’interno per cercare di dissuadere il vecchio e convincerlo ad uscire, ma verrà inevitabilmente trascinato nel tunnel dei ricordi.

L’inaspettata “apparizione” di una figura femminile permetterà al giornalista di comprendere meglio il tormento del vecchio.

Questa la sinossi della rappresentazione che dopo la data unica sarà comunque disponibile online sul portale del progetto all’indirizzo:  https://abcmemotech.it/